Car design: la nuova frontiera della progettazione

La definizione di car design

Il car design è quella disciplina che nasce per la cura della progettazione e del lato estetico di un’autovettura.

Con le traduzioni in italiano si viene spesso a creare molta confusione su queste nuove terminologie anglosassoni, per cui bisogna chiarire da subito che non si parla di automotive design (la cui traduzione rappresenta la progettazione di qualsiasi mezzo), ma di car design e, di conseguenza, della progettazione delle automobili.

La cultura italiana riguardante le automobili ci ha portati nel tempo ad apprezzare sempre di più questa professione su carta dai designer, per poi rivederla su una carrozzeria reale.

Il design delle auto ormai, data l’importanza che ha assunto la realizzazione di componenti estetici che siano funzionali, non può più essere effettuato da un singolo designer (progettista), infatti, per la realizzazione di un intero processo di sviluppo di un’automobile, la casa automobilistica si affida ad un team di esperti.

Nel team saranno presenti esperti con diverse competenze e specializzazioni.

Quello su cui ci concentreremo maggiormente quest’oggi è il car designer.

Il designer delle automobili

Chi si occupa del design delle automobili è il car designer.

Questa figura è quella di cui si sente più parlare ultimamente in quanto copre gran parte delle fasi che portano alla realizzazione del prodotto finale (autovettura).

La storia italiana di gradi carrozzerie tra l’altro, ha spinto ancor di più la crescita di questa figura nel nostro paese.

Aziende come, per esempio, la Pininfarina, la Bertone Design, Italdesign Giugiaro, sono fra quelle più rinomate che hanno spinto artisti italiani a collaborare con grandi case automobilistiche (es. Lamborghini, Maserati, Citroën, Volkswagen, Bentley, Rolls Royce).

Per questo motivo sono sempre più richiesti professionisti con maggiori competenze per la progettazione delle automobili.

Che cosa fa il designer

All’interno di un team, il car designer ricopre il ruolo di progettista, specializzandosi in un’area di lavoro specifica, facendo ricadere la scelta tra:

  • Progettazione della carrozzeria (chiamato anche exterior design) è il campo più famoso di cui spesso si vedono immagini e bozzetti su internet prima dell’uscita di una macchina;
  • Progettazione degli interni (tutto ciò che riguarda l’arredo interno) in questa area specifica di lavoro i progettisti hanno il compito di unire il comfort e l’usabilità di una macchina con l’estetica e l’utilizzo dei materiali, rimanendo vincolati alle dimensioni della macchina;
  • Finiture, delle finiture se ne occupa un esperto che sappia esaminare le piccole imperfezioni nelle progettazioni dei colleghi e che abbia buon gusto estetico (dovendosi occupare anche della scelta dei colori).

Detto questo, l’arrivo ad un progetto definito si sviluppa tramite delle fasi di produzione che passano, come anticipato, in tanti casi per il car designer.

Come si arriva alla progettazione di una macchina

Esaminiamo quelle che sono le fasi della progettazione di un’automobile che portano ad ottenere un prodotto finito valido e che segua i criteri aziendali:

Tutto inizia, come nella maggior parte dei casi, da un’idea da parte di un componente del team di un progetto esposta su una bozza, uno schizzo, di quella che può essere una struttura di una macchina.

Questa bozza per essere approvata dall’azienda passerà in altri processi come:

La ricerca del mercato, ovvero se quello che l’azienda vorrebbe proporre può essere accettato dal pubblico (che essi siano dei clienti già fidelizzati oppure dei potenziali nuovi clienti). La ricerca di mercato avviene attraverso dei sondaggi realizzati online o fisicamente di quello che le persone desidererebbero avere per sostituire la propria macchina o per comprarne una completamente nuova.

Dopo questo passaggio la bozza può essere rivista secondo quello che cercano le persone, solo a quel punto può avvenire l’approvazione da parte del consiglio aziendale per avviare la progettazione dell’automobile.

Infatti, è solo da quel momento che il team inizia realmente a progettare passando prima di tutto il progetto su carta ad un computer e, più precisamente, ad un programma CAD (Computer Aided Design) con il quale si può finalmente vedere quella che era la bozza in 3D (tre dimensioni) con maggiori dettagli e con la fase di rendering che dimostra quella che è la progettazione che il team ha realizzato.

Successivamente, il progetto verrà rivisto dal consiglio aziendale e solo dopo questa ennesima approvazione sarà possibile realizzare il disegno finale dell’automobile.

Questo disegno verrà poi creato con materiali plastici (o in alternativa in argilla) e presentato in scala 1:1 (in dimensioni reali) per valutarne tutte le aree già citate in precedenza, il design della carrozzeria, il design degli interni e le finiture (per controllare la resa finale della macchina).

Dopo la presentazione del modello, se approvato nuovamente potrà passare alla fase di produzione per poi essere messo in commercio.

Come diventare dei car designer

Dopo aver conseguito una laurea in ambito meccanico ed essersi specializzati nel design industriale o, più nel concreto, nell’automotive design, avrete la strada spianata per poter rispondere alle richieste di lavoro che arrivano giornalmente come car designer.

Però, sono spesso richieste delle conoscenze dei programmi di progettazione (i programmi CAD) che, in un percorso di studi universitario, non vengono trattati ampiamente.

Per chi volesse avere maggiori conoscenze e competenze sul proprio curriculum vitae sono consigliati dei corsi di formazione riguardanti la progettazione e la meccanica in genere.

La strada più rapida per arrivare ad un’autonomia è data dai corsi di formazione di Uniformare.it.

Fra i tanti corsi a disposizione (circa 50) troverete anche corsi per imparare velocemente l’uso di software come Solidworks o PTC Creo, programmi che vi renderanno la vita più semplice per una ricerca di lavoro futura.