Mar. Ago 6th, 2019

DotMagazine.it

Tutte le news sul mondo automotive

Le azioni Harley-Davidson potrebbero essere vicine a scendere dal loro punto più alto

2 min read

Le azioni Harley-Davidson sono state scambiate in ribasso lunedì, in seguito ad un downgrade di Wells Fargo, che ha sostenuto che oramai è rimasto poco gas nelle azioni del produttore di motociclette dopo il loro rally da inizio anno.

Harley-Davidson è infatti cresciuta di quasi il 17% dall’inizio del 2019, sebbene questo risultato sia arrivato dopo un difficile 2018, e lo stock sia ancora fermo oltre il 6% nel periodo degli ultimi 12 mesi. Tuttavia, come molti dei ritardatari del 2018, Harley ha rimbalzato in borsa quest’anno, anche se ha iniziato l’anno con risultati positivi, rallentando le vendite e aumentando lo scetticismo in seguito al prezzo elevato delle sue moto elettriche.

Lunedì, Timothy Condor di Wells Fargo ha declassato Harley da Outperform a Market Perform, anche se ha aggiunto $1 al suo obiettivo di prezzo, fissandolo a $41. Timothy Condor scrive che la mossa arriva dal momento che il rischio/rendimento post-rally del titolo è ora meno allettante, a causa della debolezza persistente del mercato delle motociclette, dell’incertezza tariffaria e della lunga strada verso la stabilizzazione.

Le azioni Harley-Davidson sono scese dell’1% nel corso delle contrattazioni del lunedì, anche se ha limitato le perdite chiudendo in gran parte piatta, a $ 40,29 per azione.

Sempre Condor scrive:

“Man mano che i dati demografici e le preferenze dei consumatori cambiano, il mercato delle grandi e pesanti motociclette, indipendentemente dal marchio, resta a rischio in seguito alle continue dinamiche di pricing/offerta tra moto nuove e usate, e dallo spostamento strutturale verso unità di dimensioni medio/piccole.”

Condor pensa anche che la società stia facendo le mosse giuste cercando di raggiungere i giovani e facendo crescere il suo business in Asia, ma è preoccupato che il rischio politico in Europa possa rimanere, come lo è per gran parte dell’industria automobilistica, mentre le vendite negli Stati Uniti probabilmente rimarranno “poco interessanti”.

Anche Barron è stato scettico riguardo all’abilità di Harley-Davidson di continuare a girare più in alto con le sue quotazioni di borsa. Come abbiamo notato all’inizio di quest’anno, le azioni Harley Davidson sono state a lungo molto popolari per il loro interessante dividendo, supportato da flussi di cassa stabili. Eppure quel modello potrebbe essere a rischio se le vendite continueranno a crollare; uno scenario che potrebbe continuare ancora a lungo se si trascinerà la guerra commerciale e se Harley-Davidson faticherà ancora ad attirare nuovi e giovani motociclisti verso i modelli più costosi.