Registro storico FMI, criteri, costi, documentazione

Siete appassionati di veicoli e storici è volete inserire la vostra moto d’epoca  nel registro storico FMI? Ecco i criteri, i costi e la documentazione necessaria per ottenere il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica

Il registro nazionale FMI, Federazione motociclistica italiana, raccoglie i motoveicoli di interesse storico, riunendo i registri di livello regionali. La categoria motoveicoli comprende per esempio motocicli, ciclomotori, motocarrozzette, motocarri

Criteri d’iscrizione al registro storico FMI

Ma quali veicoli possono rientrare nel registro storico? E’ possibile registrare i motoveicoli a partire dal 20esimo anno di età dal sua realizzazione. Fa fede la data di costruzione, in formato giorno, mese e anno.

Il veicolo deve presentarsi in ottime condizioni, oppure essere ben restaurato, ed essere conforme all’originale in modo completo. Diversamente, la Commissione che esaminerà la domanda ha facoltà di non accettare la richiesta di iscrizione al registro stesso.

Per quanto riguarda motoveicoli e ciclomotori, non devono avere alcun accessorio, anche qualora questi siano d’epoca e di serie. Se la domanda riguarda motocarri, tricicli o motofurgoni, questa sarà accettata esclusivamente se i veicoli avranno un manubrio per la guida e non il volante.

Documentazione per il registro storico FMI

Può fare domanda di iscrizione soltanto il proprietario del motoveicolo, il quale deve essere un tesserato FMI in regola con l’iscrizione per l’anno corrente.

Sia la procedura che la modulistica differiscono in base a diverse casistiche:

  • Procedura A: riguarda tutti i motoveicoli che hanno una targa e un libretto di circolazione; questo deve riportare i corretti dati tecnici conformemente al veicolo stesso. In pratica, tali veicoli non sono mai stati dismessi dalla circolazione;
  • Procedura B: comprende diversi motoveicoli che non circolano. Quindi riguarda:
    • motoveicoli che hanno targa e libretto di circolazione ma sono stati radiati d’Ufficio dal PRA;
    • oppure motoveicoli privi di un regolare libretto di circolazione;
    • o ancora motoveicoli con libretto di circolazione che riporta dati tecnici non conformi;
  • Epoca Sport: procedura che riguarda motoveicoli che non circolano su strada ma sono destinati alle discipline sportive. Vengono quindi guidati sono all’interno di impianti appositi, per esempio per gare di velocità o crossi. In tal caso il tesserino di conformità storico-tecnica, rilasciato dal Registro a seguito dell’approvazione della domanda di iscrizione, sarà valido soltanto per finalità di tipo sportivo.

La procedura A e quella Epoca Sport sono disponibili anche online sul sito www.federmoto.it nella sezione “Registro storico”.

Costi per presentare la domanda

I costi per la domanda di iscrizione al registro storico FMI dipendono dalla procedura che dovete eseguire.  Per la procedura A, il procedimento di iscrizione ha un costo di 60 euro; per quella B, il costo sale a 100 euro. E’ possibile pagare quanto dovuto sia tramite un bollettino, sia con un pagamento elettronico con carta di credito.

Per poter iscrivere il proprio motoveicolo al registro elettronico, è necessario essere un tesserato FMI: il costo annuo della tessera della federazione è di 45 euro.